una serie prime video

The Magicians : un’avventura galoppante traboccante magia

Una serie Prime Video che ho visto e rivisto innumerevoli volte. Ne sono indubbiamente dipendente, ma non mi voglio affatto disintossicare.

Breve accenno alla trama

La storia inizia con due amici, Quentin, introverso e brillante, e Julia, ambiziosa ed intelligente. I ragazzi vengono “inviati” a sostenere un esame di ammissione bizzarro, che aprirà loro le porte ad un nuovo mondo, le porte di un college dove si insegna la Magia. Lo so, l’ho pensato anch’io, “grandioso, una nuova Hogwarts, che noia”. E invece no. Il concetto stesso di magia è diverso, etereo ed affascinante, più vicino alla matematica ed alla fisica che ai calderoni di Harry Potter. In questo college gli studenti, come la maggior parte dei giovani, sperimentano con il sesso e con le droghe, droghe magiche però. Ci sono sensitivi, telecinetici, viaggiatori, erbalisti, fosmoromanzisti e molto molto altro.
Mi rendo conto che vi possa girare la testa, ma è davvero, davvero affascinante.


Tornando alla trama. Quentin passa il test ed entra a Brakebills. Julia invece viene respinta e le viene cancellata la memoria, anche se la procedura non funzionerà del tutto su di lei.
Quentin, ossessionato da una saga di libri fantasy ambientata a Fillory, scoprirà  ben presto che quella terra magica è reale e che non tutto è stato scritto nei libri. Infatti Fillory è minacciata dalla Bestia, un’entità potente e avvolta dall’oscurità, che ha preso di mira i nostri protagonisti.
Al fianco di Quentin i suoi nuovi compagni ed amici, persone eccentriche ed intelligenti che arricchiscono la trama di storie meravigliosamente variegate.

In parallelo troviamo la storia di Julia ossessionata dal ricordo di Brakebills e della magia. Determinata a imparare, si imbatte in streghe e stregoni autodidatti che, non avendo avuto la possibilità di un’educazione canonica, elemosinano magia come tossici in cerca di una dose. La sua storia è controversa ed affascinante. Un personaggio ricco di sfaccettature e di contraddizioni.

Il mio punto di vista

Questa serie Prime Video non mostra un mondo in cui i maghi sono migliori di chi non possiede la magia, anzi, ci immerge in un mondo in cui i maghi sono smarriti e insicuri come tutti noi esseri umani. Nelle loro vite ci sono le stesse  cose orribili delle nostre, pedofilia, stupri, omicidi, torture, mutilazioni…

Le divinità vengono introdotte nelle storie fantasy allo stadio finale, una volta che le idee cominciano a scarseggiare. In realtà qui vengono integrati quasi subito e senza nessuna forzatura.
Ottimo anche l’approccio alla magia che non si basa soltanto sul latino. Le lingue antiche sono molte e se esistesse davvero la magia si baserebbe su molte di esse, esattamente come succede in questa serie. Me ne sono innamorata immediatamente, tanto da comprare anche il primo libro della saga da  cui è tratta. Ha un ritmo piacevole e, nonostante non sia di certo una serie comica, mi ha regalato molte risate gustose. 

Tra cinismo e ironia la storia non stanca mai, nemmeno quando, inevitabilmente, le cose si complicano, col passare delle stagioni.

Una serie Prime Video disponibile anche su Timvision

Con questo link potrete accedere al mese di prova gratuito di Prime Video. Un servizio che per ora conviene davvero. Con un costo annuale di 36euro (3euro al mese) avrete accesso a Prime Video, con il suo ricco catalogo, ed alle consegne rapite su Amazon. Un affare. Lo avete già… meglio così…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *